Contatti aziendali

OPS S.r.l.
piazza Cinque Giornate, 6
20129 Milano
Tel. 02.40705812 (6 linee R.A.)corso preposti

Eroghiamo corsi in aula a Milano e Roma ed in azienda su tutto il territorio nazionale.


Il quiz pronto soccorso


I quiz pronto soccorso servono a verificare, alla fine di un corso di primo soccorso, se siano state apprese tutte le varie fasi che costituiscono il processo di soccorso a un infortunato o a una persona colta da malore. Alla fine del corso i futuri soccorritori devono essere in grado, tra le altre cose, di individuare le situazioni che possono essere un rischio per la vita del paziente, eseguire correttamente e tempestivamente le chiamate di soccorso, applicare le principali manovre per garantire le funzioni vitali (stato di coscienza, respirazione e circolo) oltre che saper valutare opportunamente la situazione. I quiz pronto soccorso vertono su altri contenuti come, per esempio, l’importanza del primo soccorso, l’epidemiologia del trauma, le modalità di prevenzione primaria, l’identificazione e il trattamento degli infortuni di origine traumatica, il sistema di emergenza sanitaria, la sicurezza del soccorritore e le norme di autoprotezione, il sostegno di base alle funzioni vitali in caso di arresto cardiaco (BLS-D), l’insufficienza cardiaca e respiratoria, traumi BTLS, emorragie e ferite, ustioni e altri malesseri di diversa origine. Alla fine di questo corso, si deve essere in grado di fronteggiare più o meno tutte le situazioni, sapendo comportarsi come meglio richiede il caso. Oltre ai test pronto soccorso, l’esame di superamento di un corso di primo soccorso che si tiene nell’ambito della normativa in materia di sicurezza sul lavoro prevede di solito pure delle prove di abilità pratica. Queste riguardano, in particolare, le manovre necessarie per la rianimazione cardiopolmonare, comprendenti respirazione artificiale (quella cosiddetta “a bocca a bocca”) e massaggio cardiaco esterno, la prima utile a ossigenare il sangue e la seconda a rimandarlo di nuovo correttamente in circolo. Di solito per queste prove pratiche si utilizzano degli appositi manichini. Alla fine del corso, si dovrebbe essere capaci di mettere in atto tutte quelle azioni utili ad aiutare una o più persone in difficoltà, nell’attesa dell’arrivo dei soccorsi qualificati. Tutti possono imparare le tecniche di primo soccorso e tutti quanti dovrebbero essere in grado di applicarle, perché chiunque potrebbe trovarsi in una situazione d’emergenza, non solo tra amici e parenti, ma anche con persone estranee. In tali situazioni, ciò che occorre fare è accertarsi che la scena sia sicura, cercare di capire la dinamica dell’incidente, allontanare le persone che creano confusione, valutare l’infortunato e rassicurarlo se è cosciente, chiamare il pronto intervento, praticare le manovre previste dall’emergenza del momento, porre il paziente nella posizione di attesa più idonea e non lasciarlo solo, ma supportarlo psicologicamente fino all’arrivo delle persone competenti. Le cose che, invece, occorre non fare mai sono correre rischi personali, farsi prendere dal panico, agire senza il consenso dell’infortunato (salvo casi di grave necessità), dare medicinali, fare diagnosi o fare manovre di competenza medica e considerare morta la persona soccorsa, perché può farlo solo un medico.


Sconto 20% compilando il modulo

RICHIEDI UN PREVENTIVO!