Contatti aziendali

OPS S.r.l.
piazza Cinque Giornate, 6
20129 Milano
Tel. 02.40705812 (6 linee R.A.)corso preposti

Eroghiamo corsi in aula a Milano e Roma ed in azienda su tutto il territorio nazionale.


La tavola spinale in un intervento di primo soccorso


La tavola spinale è un presidio rigido e di materiale plastico, che serve a immobilizzare e trasportare pazienti con sospetta lesione alla colonna vertebrale. Tale asse, dotato di maniglie e fori attorno al perimetro, è fondamentale per garantire un corretto allineamento della testa, del collo e della testa nel paziente politraumatizzato, così da non procurargli ulteriori lesioni. Inoltre, è un presidio piuttosto resistente e versatile, utilizzabile in diverse occasioni, compatibile con raggi X, tac e risonanza magnetica, capace di mantenere l’isolamento termico rispetto al suolo, utilizzabile assieme ad altri dispositivi di immobilizzazione (collare cervicale, fermacapo, ragno…) e, facilmente lavabile e igienizzabile. Per utilizzare la tavola spinale, è preferibile che ci siano almeno tre soccorritori qualificati: il team leader si deve occupare di immobilizzare la testa, mentre gli altri due di muovere il corpo, mantenendo la colonna vertebrale in asse. La tecnica più rapida per caricare un paziente in posizione supina è quella laterale, che consente di ispezionare, anche, il suo dorso. Dopo avergli applicato un collare cervicale e aver mantenuto allineato tutto il suo corpo, si ruota il traumatizzato su di un fianco, tenendo incrociate le mani, così da limitare le torsioni applicate al suo tronco. A questo punto si inserisce la tavola spinale, per poi abbassarla molto lentamente. In alternativa si può effettuare la tecnica detta “a ponte: i soccorritori, con il leader sempre alla testa del paziente e gli altri con le gambe divaricate sopra di lui, centrano l’infortunato sul presidio. Può capitare di trovarlo, anche, in posizione prona, in questo caso è possibile caricarlo direttamente o, se in posizione di taglio (cioè semi-ruotato), occorre appoggiare l’asse sulle ginocchia dei soccorritori, per poi far ruotare il paziente. Ѐ possibile, pure, girarlo prima in posizione supina e poi utilizzare una barella a cucchiaio.


Sconto 20% compilando il modulo

RICHIEDI UN PREVENTIVO!