Contatti aziendali

OPS S.r.l.
piazza Cinque Giornate, 6
20129 Milano
Tel. 02.40705812 (6 linee R.A.)corso preposti

Eroghiamo corsi in aula a Milano e Roma ed in azienda su tutto il territorio nazionale.


I vari tipi di ferite


Le ferite sono delle lesioni di tipo traumatico della cute, provocate da agenti esterni (coltelli, lamette, chiodi, punteruoli, armi da fuoco…). Consistono in un’interruzione di continuità della pelle e possono essere più o meno profonde, fino a raggiungere tessuti o organi sottostanti. Proprio in base alla loro profondità, possono essere superficiali, profonde o penetranti, se arrivano alle cavità. Alle ferite superficiali appartengono le abrasioni e le escoriazioni. Nel primo caso si ha solo uno sfregamento superficiale della cute, mentre nel secondo si ha una lacerazione un po’ più profonda, che raggiunge lo strato dermico. Nelle escoriazioni solitamente si verifica, anche, un riversamento più o meno abbondante di sangue. In caso di piccole lesioni occorre scoprire la parte lacerata, disinfettare con soluzione fisiologica (in generale è meglio evitare direttamente sulla lesione l’uso di alcol, di tintura di iodio, polveri, pomate o cotone idrofilo) e coprire con garze sterili, che possono essere fissate con bende o cerotti. Poi ci sono le ferite profonde, con e senza corpo estraneo. Possono essere da taglio, da punta, da taglio e da punta, da arma da fuoco e lacero-contuse, così classificate in base all’agente esterno che le provoca. Le prime, più lunghe che profonde e con margini netti, sono dovute a coltelli, vetro o lamette, mentre le seconde, più estese in profondità, sono prodotte da oggetti come chiodi, punteruoli o punte di bastoni. Le terze sono un connubio tra le ferite da taglio e quelle da punta, e vengono provocate, ad esempio, da coltelli, spade e pugnali. Quelle da arma da fuoco, a forma di foro, sono tra le più pericolose, perché a causa dell’onda d’urto, provocata dall’ingresso del proiettile, possono provocare l’esplosione degli organi interni. Infine, quelle lacero-contuse sono così chiamate, perché dovute a uno strumento contundente che provoca sia una lacerazione che una contusione.


Sconto 20% compilando il modulo

RICHIEDI UN PREVENTIVO!