Contatti aziendali

OPS S.r.l.
piazza Cinque Giornate, 6
20129 Milano
Tel. 02.40705812 (6 linee R.A.)corso preposti

Eroghiamo corsi in aula a Milano e Roma ed in azienda su tutto il territorio nazionale.


Lesioni alla cute


Le lesioni alla cute sono le ferite, le escoriazioni, le abrasioni e le contusioni. Le prime consistono in un’interruzione di continuità della pelle dopo un evento traumatico, mentre l’interruzione manca nel restante tipo. In particolare, le contusioni sono la conseguenza di un urto del corpo contro altri oggetti o il suolo, con la comparsa di ecchimosi più o meno profonde ed ematomi. Le ferite, invece, possono essere superficiali, profonde, quando intaccano piani anatomici sottostanti, o penetranti, quando raggiungono le cavità. Possono distinguersi in escoriazioni o abrasioni, in ferite senza corpo estraneo o in quelle con corpo estraneo all’interno. Lesioni alla cute sono pure quelle provocate dal calore, che può arrivare ad alterare la superficie e gli strati più profondi della pelle. Ciò avviene quando si entra in contatto diretto con una sostanza ad alta temperatura o quando ci si espone a fonti calde o in grado di generare una quantità di calore piuttosto elevata. Tra questi si ricordino le ustioni, che possono essere termiche, chimiche, elettriche, luminose, radioattive o da sfregamento. La loro gravità si misura sia dal grado, ovvero dalla profondità degli strati danneggiati, sia dall’estensione, cioè l’area di superficie corporea che è rimasta ustionata. Le lesioni alla cute più frequenti sono le contusioni e le ferite. Le prime si manifestano con dolore, gonfiore e un’alterazione del colore della parte colpita. In questo caso, il soccorritore procede rimuovendo gli indumenti della persona infortunata, così da valutare meglio la situazione. Nel fare ciò, occorre fare attenzione a non comprometterla maggiormente, con movimenti bruschi o inopportuni (è il caso, ad esempio, di sospette distorsioni o fratture). Dopodiché, è consigliabile raffreddare la parte contusa con ghiaccio istantaneo e immobilizzarla. Non sempre le contusioni sono un qualcosa di poco grave: se sono molte ed estese possono condurre a uno stato di shock. Prima di vedere come soccorrerle, occorre ricordare che le ferite con o senza corpo estraneo si possono ulteriormente distinguere in: ferite da punta, in ferite da punta e da taglio, in ferite da arma da fuoco o in ferite lacero-contuse, provocate da un corpo contundente. Alla presenza di una lesione cutanea di questo tipo, il soccorritore deve prima vedere dove si trova la ferita, quanto sia estesa e profonda, se in essa ci sono corpi estranei o se è accompagnata da altri tipi di lesione o malattie, come il diabete o l’ipertensione. Dopodiché, è opportuno lavarsi le mani e indossare i guanti in lattice, rimuovere gli indumenti ma non quelli sovrastanti un eventuale corpo estraneo (che comunque non va rimosso, per evitare altri danni), lavare con acqua corrente oppure con della soluzione fisiologica, coprire con garze sterili e fare un bendaggio compressivo. Evitare, invece, l’uso di tintura di iodio o altri disinfettanti, pomate o polveri e cotono idrofilo o emostatico direttamente sulla ferita.


Sconto 20% compilando il modulo

RICHIEDI UN PREVENTIVO!